Peraga Garden Center, per il giardino e anche per la casa

9.000 mq di superficie espositiva interna fanno di Peraga un garden center multi esperienziale da molti punti di vista. In particolare, in questo periodo dove un porzione molto ampia del punto vendita è dedicata al Natale.

A gestione familiare, il negozio è stato aperto, in una prima versione decisamente più ridotta, nel 1991 a Mercenasco, in provincia di Torino, da Gianni Peraga e la moglie Loredana. Uno spazio interamente commerciale (Peraga non produce nulla) orientato, inizialmente, alle merceologie del bricolage che non a quelle del grande center.

Successivamente, l’opportunità rappresentata dalla mancanza di una vera e propria concorrenza, spinge i Peraga verso la specializzazione garden, con l’importante inserimento del reparto dedicato alle piante da esterno – oggi assolutamente rilevante -.

Il vero e proprio cambio di passo arriva nel 2005, con il raddoppio della struttura che, oggi, conta 9.000 mq di superficie espositiva coperta e 3.000 mq esterni, cui vanno però compresi i magazzini e l’area dedicata al parcheggio. Molto interessante, e di più recente creazione, è l’area dedicata alla ristorazione: un vero e proprio bar-ristorante che propone alimenti biologici, a km 0 e, in ogni caso, del territorio, che possono essere consumati in loco o acquistati.

“Successivamente all’ampliamento del punto vendita – spiega Alessia Peraga, figlia di Giovanni e Loredana Peraga e anch’essa direttamente coinvolta nella gestione del punto vendita – abbiamo ampliato l’assortimento esistente e introdotto nuove merceologie come tutto il settore Pet che va dalla cura, all’alimentazione ai servizi di toelettatura, e un reparto di alimentazione biologica che si è successivamente ingrandito, negli anni”.

Importanti momenti stagionali come l’attuale Natale (guardate il filmato per rendervi conto) o quello dedicato alla stagione estiva con l’implementazione del reparto dedicato all’arredo esterno. Tuttavia, nel continuativo “è molto forte la proposta del casalingo – prosegue Alessia Peraga. Un assortimento ampio e diversificato che abbiamo scelto di declinare con prodotti di qualità, smarcandoci dal primo prezzo, rispondendo alle richieste del nostro target di riferimento”.

Il negozio è molto bello, molto grande, con un assortimento estremamente diversificato (dalle piante, agli attrezzi, alle macchine, al casalingo, alla profumazione, all’alimentare biologico con erboristeria, per un totale dichiarato di 40 mila prodotti) gestito dalla famiglia Peraga e da 35 persone di staff.

Anche se qualcosa in riduzione c’è. Si tratta del reparto macchine da giardino che “è una merceologia complicata a causa dell’elevato rischio di furto – spiega Alessia Peraga -. Un inconveniente che non viene compensato dai margini che, per questo genere di prodotti, non sono interessanti. A questa situazione si aggiunge la presenza della concorrenza, da parte degli specialisti presenti sul territorio. Insomma, non ne vale la pena”. Così come non vale la pena dare troppo spazio al reparto bricolage che trova, in altre realtà locali, un’alternativa”.

Diversamente, a questo proposito, la presenza di prodotti bricolage sull’omonimo sito e.commerce “peragashop” che, al contrario conta un’offerta più ampia rispetto a quella presentata in negozio. Oltre, naturalmente, alle consuete merceologie.

PS: da segnalare come curiosità l’esposizione dedicata ai villaggi Lemax, azienda specializzata nel produzione di villaggi illuminati, in questo caso declinati sul Natale. Una vera shopping experience!

 



Peraga Garden Center, per il giardino e anche per la casa

9.000 mq di superficie espositiva interna fanno di Peraga un garden center multi esperienziale da molti punti di vista. In particolare, in questo periodo dove un porzione molto ampia del punto vendita è dedicata al Natale.

A gestione familiare, il negozio è stato aperto, in una prima versione decisamente più ridotta, nel 1991 a Mercenasco, in provincia di Torino, da Gianni Peraga e la moglie Loredana. Uno spazio interamente commerciale (Peraga non produce nulla) orientato, inizialmente, alle merceologie del bricolage che non a quelle del grande center.

Successivamente, l’opportunità rappresentata dalla mancanza di una vera e propria concorrenza, spinge i Peraga verso la specializzazione garden, con l’importante inserimento del reparto dedicato alle piante da esterno – oggi assolutamente rilevante -.

Il vero e proprio cambio di passo arriva nel 2005, con il raddoppio della struttura che, oggi, conta 9.000 mq di superficie espositiva coperta e 3.000 mq esterni, cui vanno però compresi i magazzini e l’area dedicata al parcheggio. Molto interessante, e di più recente creazione, è l’area dedicata alla ristorazione: un vero e proprio bar-ristorante che propone alimenti biologici, a km 0 e, in ogni caso, del territorio, che possono essere consumati in loco o acquistati.

“Successivamente all’ampliamento del punto vendita – spiega Alessia Peraga, figlia di Giovanni e Loredana Peraga e anch’essa direttamente coinvolta nella gestione del punto vendita – abbiamo ampliato l’assortimento esistente e introdotto nuove merceologie come tutto il settore Pet che va dalla cura, all’alimentazione ai servizi di toelettatura, e un reparto di alimentazione biologica che si è successivamente ingrandito, negli anni”.

Importanti momenti stagionali come l’attuale Natale (guardate il filmato per rendervi conto) o quello dedicato alla stagione estiva con l’implementazione del reparto dedicato all’arredo esterno. Tuttavia, nel continuativo “è molto forte la proposta del casalingo – prosegue Alessia Peraga. Un assortimento ampio e diversificato che abbiamo scelto di declinare con prodotti di qualità, smarcandoci dal primo prezzo, rispondendo alle richieste del nostro target di riferimento”.

Il negozio è molto bello, molto grande, con un assortimento estremamente diversificato (dalle piante, agli attrezzi, alle macchine, al casalingo, alla profumazione, all’alimentare biologico con erboristeria, per un totale dichiarato di 40 mila prodotti) gestito dalla famiglia Peraga e da 35 persone di staff.

Anche se qualcosa in riduzione c’è. Si tratta del reparto macchine da giardino che “è una merceologia complicata a causa dell’elevato rischio di furto – spiega Alessia Peraga -. Un inconveniente che non viene compensato dai margini che, per questo genere di prodotti, non sono interessanti. A questa situazione si aggiunge la presenza della concorrenza, da parte degli specialisti presenti sul territorio. Insomma, non ne vale la pena”. Così come non vale la pena dare troppo spazio al reparto bricolage che trova, in altre realtà locali, un’alternativa”.

Diversamente, a questo proposito, la presenza di prodotti bricolage sull’omonimo sito e.commerce “peragashop” che, al contrario conta un’offerta più ampia rispetto a quella presentata in negozio. Oltre, naturalmente, alle consuete merceologie.

PS: da segnalare come curiosità l’esposizione dedicata ai villaggi Lemax, azienda specializzata nel produzione di villaggi illuminati, in questo caso declinati sul Natale. Una vera shopping experience!